Bici e monopattini, ipotesi RCA obbligatoria

Bici sì, ma con prudenza. Nelle grandi città italiane si apre il dibattito sulle due ruote e sui monopattini. L’emergenza sanitaria ha prepotentemente rilanciato il tema della mobilità sostenibile. In estate, complici i bonus promessi dal Governo, la vendita di velocipedi in Italia ha fatto registrare incrementi da capogiro. E ora per bici e monopattini ipotesi RCA obbligatoria.
Ma proprio l’utilizzo della bici e degli altri mezzi alternativi nei grandi centri urbani è ora sotto la lente di ingrandimento. In realtà molti sono finiti in ospedale dopo essere stati coinvolti in incidenti tra monopattini elettrici e altri veicoli.

RCA PER I CICLISTI?

Non è più così improbabile la soluzione dell’assicurazione obbligatoria per i mezzi ecologici alternativi, ma intanto sempre più cittadini starebbero valutando di stipulare comunque una polizza per mettersi al riparo da eventuali problemi. “C’è un problema sociale oltre che assicurativo – spiega l’assicuratore Pierluigi Ponzoni intervistato da Via Magazine, il periodico di ACI Milano – La pericolosità è evidente anche per colpa di comportamenti indisciplinati degli utenti. Per questo è necessaria l’assicurazione obbligatoria: si pensi che un non assicurato che provoca un incidente con conseguenze per sé e per gli altri non potrà ottenere alcuna eventuale invalidità e dovrà risarcire di tasca propria per i danni causati“. Insomma, per bici e monopattini ipotesi RCA obbligatoria non più così fantasiosa.

AUTUNNO CALDO SULLE STRADE, MILANO VARA LE NUOVE CICLABILI

Intanto l’autunno rappresenterà la prova del nove per il trasporto pubblico nelle grandi città. Riaprono le scuole e molti dipendenti pubblici e privati rientreranno negli uffici. A Milano sono state appena completate le contestate piste ciclabili senza cordolo che collegano il centro a Sesto San Giovanni.
Già la realizzazione del percorso di Corso Buenos Aires aveva provocato polemiche anche in seguito a vari incidenti nei numerosi incroci pericolosi. La pista è stata ora prolungata in Viale Monza fino a Sesto Marelli e nel primo giorno non era mancato qualche ingorgo a causa del restringimento di carreggiata (nella foto a destra: il tratto nei pressi di Villa San Giovanni).
Il Comune di Milano punta decisamente sulla mobilità sostenibile, ma in molti contestano le tempistiche: le rivoluzioni non si fanno in pochi mesi. Palazzo Marino prosegue senza esitazioni in attesa della risposta dei milanesi: quanti saranno disposti a preferire la bici al trasporto pubblico anche nella stagione più fredda?

Contatti

  • Agenzia Radio Traffic SpA
    Via Montalbino 3/5
    20159 Milano (MI)

  • +39026420986
  • +390266117577
  • redazione_mi@radiotraffic.it

Agenzia Radio Traffic SpA – Sede legale e operativa: Via Montalbino 3/5, 20159 Milano - Capitale sociale 156.000 euro – C.F/P.I. 10682570154 – R.E.A. Milano 1397594 – reg.imp.MI 10682570154 – iscritta al R.O.C al n°11041 – redazione_mi@radiotraffic.it – Tel: +39026420986 – Fax +390266117577
Tutte le fotografie presenti in questo sito sono di Camilla Antoniotti - Web Design by Gdmtech