A Natale sì a spostamenti ma senza treni; segnali da Italo

Spostamenti tra Regioni consentiti per vedere e assistere parenti prossimi nel periodo natalizio, ma ci si chiede con quali mezzi e a che costo. Il DPCM di Natale, che il premier Giuseppe Conte si appresta a firmare nella giornata di mercoledì, limiterà gli spostamenti tra Regioni, anche quelle gialle, a partire dal 20 dicembre e fino al 6 gennaio. Ma dovrebbe essere permesso di rientrare presso la casa dei genitori per trascorrere le festività, nonché il rientro al proprio domicilio dopo le feste.

Tuttavia, si aprono interrogativi sul problema del trasporto. Al momento solo Trenitalia ha sbloccato, come accade ogni anno, l’acquisto dei biglietti per le date successive al 12 dicembre. I treni sulla direttrice Nord Sud sono pochi e sono già costosissimi; per alcuni di essi nei giorni precedenti il Natale i posti sono già quasi tutti esauriti.

ITALO: IN VENDITA BIGLIETTI FINO AL 19 DICEMBRE

La maggior parte dei meridionali residenti al Nord attende il DPCM per poi vigilare sulle mosse di Italo. La compagnia del “leprotto” ha permesso in queste ore la vendita dei biglietti fino al 19 dicembre incluso, ma i treni restano solo tre per senso di marcia; da oltre un mese l’offerta di convoglio alta velocità è ridottissima con pochissimi treni tra Milano e Napoli. Ed era possibile acquistare biglietti solo fino al 12 dicembre. La firma sul nuovo DPCM di Natale dovrebbe portare allo sblocco dei biglietti per le date successive al 19 dicembre. Ma quanti treni realmente verranno predisposti? E quanti ne aggiungerà Trenitalia? Per ora, insomma, per Natale sì a spostamenti, ma senza treni.

VOLI ANCORA ECONOMICI FINO AL 22 DICEMBRE

I meridionali già studiano soluzioni alternative. C’è chi da tempo ha prenotato un volo per il giorno 23 dicembre. Quasi esauriti i posti sull’Alitalia delle 17 da Milano Linate, qualche biglietto in più resta per l’EasyJet delle 18 da Malpensa, entrambi intorno ai 250 euro per la sola andata. Più economici i voli del primo mattino di EasyJet da Malpensa e RyanAir da Orio al Serio, mentre fino al 22 dicembre i costi dei voli sono ancora accessibili. Analoghi fenomeni si registrano per i viaggi da altri aeroporti del Nord.

PAURA COVID AMMAZZA IL CAR SHARING

Più incognite sulla situazione BlaBlaCar, la fortunata app francese di travel sharing che in tanti da anni utilizzano per viaggiare in Europa. Rispetto agli altri anni i viaggi inseriti dai drivers sono pochissimi: se ne trovano solo tre al giorno ai quali si aggiungono quelli in autobus.
Il motivo è la pericolosità di questa formula: siccome la maggior parte si reca al Sud per rivedere i familiari, molto spesso anziani e quindi gli unici veramente a rischio, viene ritenuta molto rischiosa la lunga permanenza nello stesso veicolo con persone sconosciute.
Tuttavia, considerati i costi altissimi dei treni e le incertezze sul comportamento di Italo e Trenitalia, molti nuclei familiari preferiranno l’automobile. La parola definitiva potrà essere messa il 23 dicembre dopo un’analisi sui flussi di traffico sulle nostre autostrade.

Contatti

  • Agenzia Radio Traffic SpA
    Via Montalbino 3/5
    20159 Milano (MI)

  • +39026420986
  • +390266117577
  • redazione_mi@radiotraffic.it

Agenzia Radio Traffic SpA – Sede legale e operativa: Via Montalbino 3/5, 20159 Milano - Capitale sociale 156.000 euro – C.F/P.I. 10682570154 – R.E.A. Milano 1397594 – reg.imp.MI 10682570154 – iscritta al R.O.C al n°11041 – redazione_mi@radiotraffic.it – Tel: +39026420986 – Fax +390266117577
Tutte le fotografie presenti in questo sito sono di Camilla Antoniotti - Web Design by Gdmtech